Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione.
Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa.
Continuando la navigazione o chiudendo questo banner acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Dal 1730 un patrimonio antico e moderno per tutti

Regolamento sala studio

  1. La consultazione dei volumi rari e preziosi, a scopo di studio o di ricerca, è consentita con le dovute cautele sia nell’ammissione degli studiosi, sia nell’accesso al materiale.
  2. Per accedere alla biblioteca occorre compilare l’apposito modulo di ammissione, specificando le generalità, l’indirizzo, il recapito telefonico, esibire un documento di riconoscimento ed indicare il tipo di materiale che si intende consultare e le motivazioni per cui lo si richiede. I dati personali sono trattati nel rispetto delle disposizioni vigenti in materia.
  3. L’utente che chiede di accedere alla biblioteca deve prendere visione delle norme del regolamento che regolano l’accesso, la consultazione e i servizi ed impegnarsi a osservarne integralmente le disposizioni e le successive eventuali integrazioni e/o modifiche, notificate mediante semplici affissioni nei locali della biblioteca.
  4. L’utente si impegna a consegnare una copia delle pubblicazioni da lui prodotte con riferimento al materiale conservato presso la biblioteca stessa. Si assicura la dovuta riservatezza alle tesi di dottorato conservate presso la biblioteca.
  5. La consultazione del materiale manoscritto o delle edizioni rare e preziose è riservata a coloro che abbiano compiuto la maggiore età ed è soggetta ad alcune limitazioni, quali la verifica delle effettive capacità del richiedente di leggerne o decifrarne il contenuto, la presentazione scritta del rispettivo docente nel caso di studenti universitari che devono condurre le ricerche specifiche, il deposito di un documento di identità durante la permanenza in sala.
  6. Il materiale dato in consultazione deve essere maneggiato con cautela per prevenire ogni forma di deterioramento. Chi danneggia o smarrisce il materiale a lui affidato in consultazione o in prestito deve procurare un esemplare integro e in buone condizioni, ovvero rifondere una cifra pari al doppio del valore aggiornato del pezzo danneggiato o smarrito.
  7. Agli utenti può essere revocato l’accesso alla biblioteca nel caso in cui dimostrino di non maneggiare con la debita cura il materiale in consultazione.
  8. L’utente non può accedere ai depositi librari per la ricerca e il prelievo diretto dei volumi né può avere in consultazione il medesimo manoscritto o libro antico contemporaneamente ad altro utente.
  9. Nella consultazione dei manoscritti si può fare uso solamente della matita cancellabile.
  10. Per nessun motivo è consentito portare i volumi fuori della biblioteca.
  11. In biblioteca è prescritto il silenzio, un comportamento consono alla natura del luogo e un modo di vestire adeguato all’ambiente.
  12. Nella sala di consultazione è vietato fumare e consumare cibi o bevande.
  13. Prima di accedere alla consultazione dei volumi gli utenti sono pregati di depositare in un apposito guardaroba indumenti, ombrelli, borse ed altri oggetti ingombranti.
  14. L’uso dei libri personali è consentito solo come ausilio per lo studio dei documenti effettivamente consultati in biblioteca.
  15. Non si devono introdurre nella sala di consultazione apparecchi fotografici, registratori, scanner, telefoni cellulari, cibi, bevande, forbici e simili.
  16. È ammesso l’uso di computer portatili per i quali la biblioteca fornisce l’energia elettrica, declinando ogni responsabilità per eventuali danneggiamenti arrecati agli apparecchi e/o ai dati in essi contenuti dalla connessione all’impianto elettrico.
  17. I singoli utenti sono in ogni caso responsabili dei danni arrecati dai loro apparecchi a persone o a cose.