Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione.
Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa.
Continuando la navigazione o chiudendo questo banner acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Dal 1730 un patrimonio antico e moderno per tutti

Manoscritti

Il patrimonio manoscritto conta 40 codici medievali in pergamena, molti dei quali riccamente  miniati e 190 manoscritti cartacei di argomento vario che coprono un arco temporale che va dal XVI al XIX secolo; fra i manoscritti più importanti per la storia astigiana si annovera il Giornale d’Asti dell’abate Incisa, una cronaca puntuale di tutti gli avvenimenti di indole religiosa e civile accaduti ad Asti fra il 1776 ed il 1819.